Diocesi di Parma
Diocesi di Parma  
 




Home
Diocesi
Storia
Parrocchie Diocesi
Vescovo S.E. Mons. E. Solmi
Presbiteri
Santi e Beati
Orari Sante Messe
Adorazioni Eucaristiche
Confessioni
Convegno sulla Fede 0-8 anni
Iniziative Parrocchie
Iniziative da Gruppi-Associaz.
Procedura per concerti in chiesa
CURIA DIOCESANA
Vicario Gen. e Vicari Ep.
Cancelleria
- - Modulistica
- - Ammissione Chiesa Cattolica di Orientali non Cattolici
- - Atti e decreti
Ufficio Legale diocesano
Tribunale Ecclesiastico diocesano
Economato diocesano
Ufficio tecnico
Beni Culturali Ecclesiastici
Archivio diocesano
Ufficio statistica
Censore per la stampa
Esorcista
SETTORI PASTORALI
Caritas
Catechistico
Centro Missionario Diocesano
Comunicazioni Sociali
Diaconato e Ministeri
Ecumenismo/dial. interreligioso
Famiglia
Lavoro Giustizia Pace Ambiente
Liturgia
Migrantes
Pastorale Giovanile
Progetto Culturale Diocesano
Promozione sost. economico Chiesa
Salute-Pastorale Anziani
Tempo libero, turismo, sport
Ufficio Scuola
Vita Consacrata
Vocazioni
Seminario diocesano
Istituto Dioc. Sostent. Clero
Opera diocesana S.Bernardo
Cappellania ospedaliera
Cappella universitaria
Casa della Carità
Ministri Straordinari Com.Euc.
Museo diocesano
Scuola Formaz.Sociale
Sc. formazione teologica
Steccata - Basilica Minore
Tenda della Parola
Centro grafico
Mass media
Arte in Diocesi
Consigli Cinematografici
Giochi
Documenti Utili
Home arrow Casa della Carità
Casa della Carità PDF

Casa della Carità

"Dono d'amore"

Via Nazionale, 78/B
43030 Gaiano (PR)
Tel.  0521-809012
e-mail: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo



L’INAUGURAZIONE

Sabato 21 novembre 2009

 

Alcuni momenti

della celebrazione

Un sogno

C’è chi lo chiama caso, chi Provvidenza. Si può leggere così l’intreccio di incontri, di sogni, di ideali, che ha permesso la costruzione e la realizzazione della Casa e che si inizia a concretizzare, come compare sul diario, con le prime riunioni dell’estate del 1977. Alle origini, la vicenda di una giovane donna di Gaiano, Ines Piazza che, nel suo percorso di malattia incontra monsignor Prandi, fondatore delle Case della carità e della congregazione delle Carmelitane minori della Carità (di cui poi entrerà a far parte) e si fa tramite per farlo conoscere al suo parroco, che portava nel cuore il desiderio di realizzare qualcosa per chi è nel bisogno. La festa attuale rimanda così ad un passato, non troppo lontano e a volti di fratelli e sorelle che sono già nell’abbraccio di Dio Padre.
Si legge in un verbale datato 19 ottobre 1977: «Questa Casa della carità, come tante altre già sorte, deve esserla di nome e di fatto. Ad essa potranno accedere e saranno considerate benvenute le persone che per la natura della loro malattia e per gli impedimenti di ogni ordine che ne derivano, trovino difficile collocamento presso altri istituti assistenziali e religiosi». Significativamente la Casa è stata chiamata “Dono d’amore”: dono per chi la abita, dono per chi la incrocia nella propria vita. Dono d’amore per la nostra diocesi, scelta come stele giubilare dal vescovo Bonicelli, ad indicare una costruzione mai terminata, un pellegrinaggio mai concluso, un di più di amore verso cui siamo sollecitati.

Don Mario Prandi

Così l'ha pensata il fondatore

Una casa eucaristica

Le Case della Carità sono necessarie per annunciarea tutti il mistero nascosto di cui parla san Paolo nella lettera agli Efesini (cfr. Ef.3) e non per fare dei proseliti o per un miraggio espansionistico. Sono particelle impegnate in questo annuncio del mistero nascosto che è l’amore, l’amore a Dio per gli uomini. L’annuncio non è fatto con grandi mezzi e con grandi opere, ma solamente offrendo i tre pani. Parola di Dio, eucaristia e culto dei poveri.
 E’ una cosa piccolissima, un seme, che sembra scomparire, quasi inutile di fronte al grande problema della fame, della povertà, delle malattie, ma che invece può essere un fermento, il pugno di lievito della parabola.
La casa della Carità è una casa eucaristica, non soltanto perché vi si celebra l’Eucaristia, ma proprio perché l’Eucaristia deve essere la legge, il senso fondamentale della sua vita. Le case della carità non sono primariamente il servizio all’uomo, ma il servizio liturgico dell’Eucaristia e all’Eucaristia, che continua e si completa nel servizio agli ultimi, fratelli del Signore e membra del suo Corpo.
La casa della carità è una contestazione positiva di ciò che è sbagliato nella nostra società, una società in cui l’unità di misura è l’efficientismo, dove il valore dell’uomo è affidato ad elementi esterni (soldi, bellezza, salute, ecc.), una società in cui diventa sempre più reale la possibilità della eutanasia e della manipolazione genetica. L’uomo è in pericolo: c’è bisogno che il nostro cuore si ribelli davanti a questo disprezzo dell’uomo...Le nostre Case della Carità sono il segno concreto di quello che pensiamo della persona umana.

Link al sito della Congregazione mariana delle Case della Carità.

 • AMARCORD •

13 maggio 1982. La “Casa della carità” di Gaiano è finalmente una realtà: queste le parole scritte nel diario della Casa. Non manca anche una sorta di cronaca di quella giornata speciale, ma semplice nello stesso tempo, nello stile della Casa. Leggiamo in una pagina a firma di don Cesare Ghirini: «Senza alcuna forma reclamistica, il vescovo del Madagscar monsignor Gilbert Ramanantoahina, vescovo della diocesi di Pianarantsoa, a Roma per la visita ad limina, dopo la santa messa concelebrata, ha benedetto ogni locale dei tre piani della casa. L’Omelia è stata tenuta da mons. Mario Prandi, fondatore e superiore delle Case della carità. Il suo commento alla festa è stato chiaramente riassunto: si parte dal Signore presente nella Parola e nell’Eucaristia per arrivare ai minimi, cioè ai più bisognosi, e non viceversa.
Concelebranti: oltre al vescovo, monsignor Mario Prandi, don Giovanni Coruzzi, don Giulio Ranieri di Collecchio, don Franco Minardi di Ozzano Taro, il sottoscritto don Cesare Ghirini parroco». Interessante l’augurio di allora: «Nel nome del Signore si gettano le fondamenta delle Case della Carità. Nel nome del Signore noi ci auguriamo che anche quella di Gaiano possa fare tanto bene».

© VITA NUOVA, VIETATA LA RIPRODUZIONE
 


 
   
 
 
 
 
 
 
Vita Nuova

 
Vita Nuova

 
 
Diocesi di Parma